Perugia: Condivisione delle difficoltà dei migranti e dei malati al centro di due iniziative formative per animatori e volontari, affinché «il loro servizio sia un servizio evangelico»

Perugia: Condivisione delle difficoltà dei migranti e dei malati al centro di due iniziative formative per animatori e volontari, affinché «il loro servizio sia un servizio evangelico»

L’Anno pastorale 2018-2019 della Caritas di Perugia-Città della Pieve e delle sue diverse realtà socio-caritative è appena iniziato e non trascura la formazione degli animatori e dei volontari impegnati a livello diocesano e parrocchiale, affinché «il loro servizio sia un servizio evangelico», sottolinea il diacono Giancarlo Pecetti, direttore della Caritas diocesana. Una formazione aperta a quanti vogliono mettere in pratica il passo del Vangelo di Matteo: “ero forestiero e mi avete accolto…, malato e mi avete visitato”.
Le prime due iniziative in calendario aiuteranno a riflettere sull’importanza della condivisione delle difficoltà dei migranti e dei malati in un’epoca in cui prevale, purtroppo, l’individualismo. A farne le spese sono i più deboli, i poveri, gli scarti della società e per questo c’è la necessità di farsi carico, come uomini e come cristiani, anche di queste persone che chiedono aiuto, in modo particolare a non essere lasciate sole.

L’incontro dedicato alle migrazioni.
La prima di queste due iniziative è l’incontro di formazione: “La storia della salvezza passa anche attraverso le migrazioni” rivolto a tutti gli animatori e i volontari Caritas (le cui iscrizioni si chiudono lunedì 8 ottobre), in programma sabato 13 ottobre (ore 9-13), presso Centro Mater Gratiae in Montemorcino di Perugia. Interverranno all’incontro il cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti, presidente della Cei, padre Giulio Michelini (Ofm), preside dell’Istituto Teologico di Assisi, e un “testimone concreto” del passo del Vangelo di Matteo.

Il corso per aspiranti volontari accanto a persone malate.
La seconda iniziativa è il corso di formazione al volontariato dal titolo: “Prendersi cura: portatori di speranza”, che si terrà dal 9 ottobre fino al 27 novembre (per otto martedì), dalle ore 18.30 alle 20, presso la Sala “Don Giacomo Rossi” del “Villaggio della Carità” (sede della Caritas diocesana, via Montemalbe 1 – zona via Cortonese). Questo corso è organizzato dall’Associazione perugina di volontariato (Apv), promossa dalla Caritas, e dall’Ufficio diocesano per la pastorale della salute con la finalità di avvicinare le persone che intendono porsi accanto a chi vive tempi di sofferenza.
Questo corso è una conoscenza del mondo del volontariato socio-sanitario con informazioni e presentazione dei servizi (ospedale, carcere, strutture per anziani, diversamente abili). Si affronteranno le motivazioni che determinano la scelta del servizio gratuito, nonché aspetti normativi, modalità relazionali e testimonianze. I partecipanti vivranno anche il “laboratorio di fine corso” e al termine riceveranno l’attestato di frequenza, rilasciato a coloro che avranno preso parte ad almeno l’80% degli incontri, in modo da poter anche accedere al tirocinio di 20 ore presso strutture dove operano gruppi dell’Apv. Per iscriversi c’è tempo fino al 9 ottobre, prima dell’inizio della “lezione” introduttiva, e gli interessati alle attività dell’Apv possono consultare il sito: http://www.apv.diocesi.perugia.it .