Perugia: Al via la costituzione della “Fondazione Compignano” tra Archidiocesi e privati benefattori a sostegno della tutela e valorizzazione culturale e sociale del patrimonio artistico-storico del territorio e con la finalità anche a favore di persone in difficoltà umane e materiali

Perugia: Al via la costituzione della “Fondazione Compignano” tra Archidiocesi e privati benefattori a sostegno della tutela e valorizzazione culturale e sociale del patrimonio artistico-storico del territorio e con la finalità anche a favore di persone in difficoltà umane e materiali

            E’ stata siglata a Perugia, nel palazzo arcivescovile, lo scorso 1° febbraio, la “convenzione” tra Archidiocesi e privati benefattori, che porterà a breve alla costituzione della “Fondazione Compignano” a favore del suggestivo omonimo borgo medioevale immerso nel verde delle colline di Marsciano (Pg). La “convenzione” è stata sottoscritta dal cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti e dai coniugi Maria e Augusto Coli Versari alla presenza del direttore dell’Ufficio diocesano amministrativo don Riccardo Pascolini e del parroco di Compignano don Mario Bini. La “Fondazione”, che sarà presieduta da Augusto Coli, avrà come sua finalità principale quella di gestire il patrimonio immobiliare di proprietà della Curia arcivescovile e della Parrocchia di Compignano, i cui lavori di ristrutturazione e restauro sono finanziati dai coniugi Coli Versari in segno di amore e di riconoscenza verso la loro terra di origine. Si tratta di diversi edifici, in particolare l’antico complesso edilizio di tre piani della canonica poggiante su mura medioevali con l’originale campanile lesionato dal terremoto del 2009, le cui campane sono tornate a risuonare di recente grazie ai lavori di ristrutturazione finanziati dai  signori Coli Versari. Pertanto, parte delle opere di ristrutturazione e restauro di questo complesso sono state già realizzate. Il resto del complesso è un cantiere avviato che sarà ultimato dalla stessa “Fondazione”, così da favorire una maggiore aggregazione e ampliamento delle offerte socio-educative per gli adolescenti del luogo e le loro famiglie da parte del già attivo Oratorio parrocchiale e Circolo ricreativo ANSPI.

Questa “Fondazione” «intende sostenere e valorizzare il paese di Compignano – si legge nella “convenzione” – promuovendo la tutela, conservazione e conoscenza del patrimonio storico, culturale, ambientale e artistico di Compignano…, realizzando iniziative culturali, eventi, manifestazioni e rievocazioni di carattere storico, musicale e teatrale e di recupero delle antiche tradizioni». Inoltre, «promuovere la coesione e l’inclusione sociale della popolazione di Compignano, con particolare attenzione alle fasce più deboli, realizzando e promuovendo iniziative volte a favorire l’integrazione e l’aggregazione dei cittadini e sostenere le persone in condizioni di svantaggio economico e sociale».

            Vivi apprezzamenti e ringraziamenti ai coniugi Augusto Coli e Maria Versari, per quest’opera benemerita a favore della realizzazione del bene comune di una piccola ma significativa realtà di “periferia”, sono stati espressi dal cardinale Bassetti e dai suoi sacerdoti collaboratori impegnati anche a livello locale, oltre che diocesano, alla salvaguardia e valorizzazione del patrimonio ecclesiale da mettere sempre più a disposizione della popolazione, in particolare di quella più in difficoltà e vulnerabile, come invita spesso a fare papa Francesco.