I media diocesani perdono un operatore dal grande spirito di servizio, il giornalista Francesco Locatelli

I media diocesani perdono un operatore dal grande spirito di servizio, il giornalista Francesco Locatelli

Il giornalista Francesco Locatelli, operatore dei media diocesani da oltre trent’anni, dopo una lunga malattia, è tornato alla Casa del Padre il 6 agosto. Era ricoverato dallo scorso 14 giugno presso l’Ospedale “Santa Maria della Misericordia”, dove da tempo era in cura. Poche settimane fa aveva ricevuto la visita del cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti, che Locatelli ha tante volte intervistato per l’emittente Umbria Radio. Il cardinale ha sempre intrattenuto con Francesco un rapporto familiare, chiamandolo: «il mio amico Francesco, voce squillante della nostra Umbria Radio». Il presule, che ha ricevuto la triste notizia al termine di un pellegrinaggio all’estero, nell’esprimere il suo profondo cordoglio per la perdita di Locatelli, ha detto di lui: «Ha tanto ricevuto dalla nostra Chiesa diocesana, ma ha anche tanto donato non solo per il servizio che ha prestato ai nostri media. E’ stato un uomo generoso e un giornalista che amava questo suo lavoro, un esempio per molti». Sarà il cardinale Bassetti a presiedere le esequie, che si terranno nella chiesa dei Ss. Andrea e Lucia in piazza Piccinino di Perugia, mercoledì 7 agosto, alle ore 17.

Dal carattere determinato nella vita come nella professione, ma nel contempo disponibile al confronto e allo scambio di idee, Francesco Locatelli è stato un operatore dei media diocesani dal grande spirito di servizio e dedito non poco al sacrificio come spesso il giornalismo richiede. Quando la malattia ha iniziato a prendere il soppravvento, non ha esitato a mettersi da parte pur restando costantemente in contatto con gli amici colleghi di Umbria Radio.

Locatelli, nato a Genova il 25 novembre 1959, vivendo la sua adolescenza a Sondrio, è giunto a Perugia alla fine degli anni ’70 per motivi di studio dove ha incontrato la Comunità Magnificat cominciando un cammino di fede che ha proseguito per diversi anni. Nella comunità si occupava della redazione del periodico Venite e vedrete, esperienza che lo ha appassionato al mondo dei media. In seguito è approdato a Radio Augusta Perusia, oggi Umbria Radio, nella fase di avvio di quest’emittente diocesana, per poi collaborare con il settimanale cattolico umbro La Voce e ritornare nuovamente a Umbria Radio nell’ultimo decennio, divenendo suo socio lavoratore. Si è distinto in numerosi servizi e nella conduzione di non pochi programmi di carattere sociale e sportivo (in particolare di Volley), facendo aggiudicare alla sua radio diversi premi e riconoscimenti indetti dal Co.Re.Com. dell’Umbria, contribuendo non poco al rilancio della stessa Umbria Radio in un periodo non facile per l’editoria. Francesco Locatelli ha collaborato anche con l’Ufficio stampa e comunicazione della Caritas diocesana di Perugia interessandosi alla realizzazione della trasmissione quotidiana “Gocce di Carità” di Umbria Radio, per dare voce, come anche lui diceva, «a chi voce non ha: gli ultimi, gli scarti che chiama papa Francesco».

Tra le tante testimonianze di affetto, ricordo e cordoglio giunte alla redazione di Umbria Radio, quelle degli arcivescovi di Spoleto-Norcia Renato Boccardo, presidente della Ceu, e di Lucca Paolo Giulietti, già vescovo ausiliare e vicario generale di Perugia-Città della Pieve, e del vescovo di Foligno Gualtiero Sigismondi.