Concluse con il concerto in ricordo del venerabile servo di Dio Vittorio Trancanelli le solennità di Ognissanti e dei Defunti. Il cardinale Gualtiero Bassetti: «Una volta si sapeva morire, perché morire faceva parte della vita. Non si moriva da soli, si era circondati dai propri familiari»

Concluse con il concerto in ricordo del venerabile servo di Dio Vittorio Trancanelli le solennità di Ognissanti e dei Defunti. Il cardinale Gualtiero Bassetti: «Una volta si sapeva morire, perché morire faceva parte della vita. Non si moriva da soli, si era circondati dai propri familiari»

«Una volta si sapeva morire. Oggi si vorrebbe una morte “addomesticata” e censurata, perché il benessere, la vita, “è oggi, qui” e ogni atteggiamento che mette in discussione un tale assioma va censurato. Una volta si sapeva morire, perché morire faceva parte della vita. Non si moriva da soli, si era circondati dai propri familiari. Anche allora la morte faceva paura, ma il credente temeva soprattutto il “dopo morte”, il giudizio di Dio e la sorte eterna. Oggi il morire si chiude con il rituale spesso asettico del funerale». Lo ha evidenziato nell’omelia del giorno della Commemorazione dei Defunti, nella cattedrale di San Lorenzo di Perugia, il cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti. Il presule, nel commentare il brano evangelico del 2 novembre ha evidenziato che «l’unica cosa che conta nella vita è l’amore; l’unica cosa che resta, è l’amore. L’amore è sempre grande, anche quando si manifesta in piccoli gesti, come un bicchiere d’acqua, un pezzo di pane, una visita ad un malato, una parola di conforto, una mano che stringe l’altra. L’amore è grande, è forte, è irresistibile perché è sempre una scintilla di Dio, che infuoca e salva la terra».

E l’amore che ha caratterizzato gran parte della breve ma intensa vita del venerabile servo di Dio Vittorio Trancanelli (1944-1998), morto prematuramente all’età di 54 anni e che quest’anno ricorre il 75° anniversario della nascita, è anch’esso «una scintilla di Dio». Il medico chirurgo Trancanelli, “santo in sala operatoria e nella vita”, si fece prossimo verso i fratelli più piccoli e in difficoltà, accogliendo diversi minori (alcuni dei quali disabili) prima in casa e poi dando vita, insieme alla moglie Rosalia Sabatini, all’opera di carità “Alle Querce di Mamre”. Prima di morire, Vittorio Trancanelli, dichiarato venerabile da papa Francesco nel 2017, volle davanti a sé tutti i suoi “figli” dicendo alla sua Rosalia: «Per loro è valsa la pena di vivere, non per diventare qualcuno, fare carriera e soldi». E al venerabile Trancanelli la Postulazione della sua Causa di Canonizzazione e l’Archidiocesi di Perugia-Città della Pieve hanno voluto dedicare un concerto canoro-musicale tenutosi nella serata del 3 novembre, nella cattedrale di San Lorenzo, a conclusione delle solennità di Ognissanti e dei Defunti, che ha visto esibirsi il noto tenore fra Alessandro Brustenghi e il soprano Sarah Piccioni. «Entrambi perugini, che hanno dato vita ad uno spettacolo unico», ha sottolineato il postulatore della Causa di Canonizzazione del venerabile Trancanelli, Enrico Solinas, nel presentare questo concerto che ha visto accompagnare i due tenori dagli archi di “Umbria Ensemble”, «famoso gruppo musicale perugino – ha proseguito Solinas – per aver tenuto concerti in tutta Italia ed in vari Paesi europei». Presenti i familiari del venerabile Trancanelli insieme a quelli di un altro venerabile della Chiesa italiana, anch’egli medico, il veronese Alessandro Nottegar, il cardinale Gualtiero Bassetti, il vescovo ausiliare mons. Marco Salvi e il sindaco di Perugia Andrea Romizi.

Fra Alessandro Brustenghi, a margine del concerto, soffermandosi sulla «Misericordia dei Santi», ha ricordato il venerabile perugino con queste parole: «Vittorio Trancanelli dice a tutti noi, in particolare ai giovani, che è possibile percorrere la via della santità, che è la felicità piena, in qualsiasi momento, in qualsiasi condizione, anche se sei un medico come era lui, anche quella dove si vive più stress, ma dipende dal cuore che abbiamo perché essere veramente felici è fare felici altre persone. Questa sera, nella nostra cattedrale, abbiamo avuto l’esperienza che, grazie a Vittorio Trancanelli, le persone presenti hanno potuto risentire la gioia e la felicità della vita anche attraverso il canto e la musica. La santità è feconda, contagiosa e questo è un altro aspetto bellissimo dei santi e arrivare alla santità sarebbe l’obiettivo di tutti».